Vaginismo e mito - Dott.ssa Rosa Bochicchio Torino Milano Pavia

Le prime donne che scelgono la Verginità e scelgono di rifiutare la sessualità furono le Dee come Atena, Artemide, le amazzoni, questo perché la Vergine era colei che non soggiaceva al potere maschile. La Verginità era qualcosa da donare ad una divinità.

Anche il Cristianesimo ha avuto un ruolo discriminatorio nei confronti  della donna, tanto da farle vivere una sessualità senza corporeità.

In seguito la cultura patriarcale, provocò un ulteriore controllo maschile sulla sessualità femminile, dato che la stessa era vista come strumento di trasgressione e liberazione.

Possiamo certamente dire che la Verginità della Dea significa prima di tutto che la sua essenza risiede non nel rapporto con il prossimo o nelle passioni, emotive ed amorose, a causa delle quali gli esseri umani e divini sono vulnerabili e soggetti a contaminazioni temporali e sensibili, bensì nella natura immutabile e veritiera che trova la propria essenzialità nell’autosufficienza e nella quasi totale indipendenza.

Questo per dire che le radici culturali del Vaginismo sono profonde e legate alle circostanze temporali, ogni epoca ha vissuto il suo modo di Vivere il Vaginismo.

 


By rosatesipra2018,

  Filed under: Blog
  Comments: None

I commenti sono chiusi.